Caparezza: “L’ Acufene mi tortura da anni. Un disco per combatterlo.”

acufene

Caparezza ha scritto un disco nuovo. Nuovo in tutti i sensi visto che parla anche dell' acufene. Il disturbo del fischio all' orecchio è molto diffuso tra i musicisti e tutto lascia pensare che sia originato dall' esposizione agli alti volumi protratta nel tempo.

caparezza acufene

L’ Acufene è un problema molto frequente per i musicisti.

La scintilla del progetto è stato un brutto colpo.

Caparezza ha scoperto di soffrire di acufene, un ronzio continuo che si sente nell’orecchio. «È causato dall’ abuso di volumi di ascolto troppo alti… Non esiste cura e lo porterò con me per sempre. Non posso più ascoltare musica in cuffia. Sono andato in crisi: il mio corpo era la mia prigione».

«Siamo prigionieri del nostro ruolo. Non riusciamo ad abbandonarlo. E sulla foto di copertina io stesso non riesco a evadere da una gabbia da cui invece potrei uscire».

Il rapper ha allargato l’idea di carcere. Ogni brano è un capitolo di un ipotetico carcere mentale e gioca su un contrasto rappresentato da una scelta fra una parola di 7 e una di 9 lettere: Michele o Caparezza, innocuo o criminale… I testi hanno più chiavi di lettura e sono pieni di riferimenti a psicanalisi, storia, teorie filosofiche:

«A chi li trova troppo profondi consiglio di ascoltare le canzoni come se fossero in una lingua che non conosce, come fanno in tanti quando sentono un brano in inglese»

 

E quindi nel pezzo che dà titolo all’ album parla di musica e di «voglia di elevare i contenuti»: «Ne vedo poca. Contenuto è impegnarsi a fare bene un lavoro, non impegno politico o sociale. Anzi, quelli possono anche essere noiosi». 

E quindi non rinnega però la satira sociale dei suoi lavori precedenti: «In passato sono stato osservatore di quello che accadeva all’esterno. A quell’ età andava bene. Superata quella fase, guardo dentro me stesso».

L’ Acufene è un problema molto frequente per i musicisti.

La scintilla del progetto è stato un brutto colpo.

Caparezza ha scoperto di soffrire di acufene, un ronzio continuo che si sente nell’orecchio. «È causato dall’ abuso di volumi di ascolto troppo alti… Non esiste cura e lo porterò con me per sempre. Non posso più ascoltare musica in cuffia. Sono andato in crisi: il mio corpo era la mia prigione».

«Siamo prigionieri del nostro ruolo. Non riusciamo ad abbandonarlo. E sulla foto di copertina io stesso non riesco a evadere da una gabbia da cui invece potrei uscire».

Il rapper ha allargato l’idea di carcere. Ogni brano è un capitolo di un ipotetico carcere mentale e gioca su un contrasto rappresentato da una scelta fra una parola di 7 e una di 9 lettere: Michele o Caparezza, innocuo o criminale… I testi hanno più chiavi di lettura e sono pieni di riferimenti a psicanalisi, storia, teorie filosofiche:

«A chi li trova troppo profondi consiglio di ascoltare le canzoni come se fossero in una lingua che non conosce, come fanno in tanti quando sentono un brano in inglese»

 

E quindi nel pezzo che dà titolo all’ album parla di musica e di «voglia di elevare i contenuti»: «Ne vedo poca. Contenuto è impegnarsi a fare bene un lavoro, non impegno politico o sociale. Anzi, quelli possono anche essere noiosi». 

E quindi non rinnega però la satira sociale dei suoi lavori precedenti: «In passato sono stato osservatore di quello che accadeva all’esterno. A quell’ età andava bene. Superata quella fase, guardo dentro me stesso».

Facebook
Google+
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked*

Altri Articoli sull' Acufene

Rimedi Naturali Acufene

Di rimedi della nonna per acufene ce ne sono tanti, ma servono a qualcosa? Sono palliativi che possono anche avere qualche blando effetto, ma non aspettiamoci nessun …

Laser per Acufeni. Funziona?

Laser Terapia per Acufene. Funziona? Praticamente ogni giorno escono nuove proposte terapeutiche, molte delle quali hanno ben pochi risultati dalla loro parte. Le uniche terapie …