Acufene e Sport

acufene e sport

Uno studio dichiara che l' attività sportiva moderata ed aerobica possa influire positivamente sulla riduzione degli acufeni. Pertanto lo sport, per chi soffre di fischio all' orecchio è assolutamente consigliato, salvo diversa indicazione medica.

Lo sport è un’ attività consigliata per la buona salute. Da oggi lo è anche per l’ acufene.

La correlazione tra attività fisica e impatto sulla percezione degli acufeni è evidente secondo il recente studio americano “increased Frontal Response May Underlie Decreased” pubblicato sulla rivista scientifica Plos One.

Al riguardo è stato preso un campione significativo di persone sofferenti di acufene forti, altre con acufeni moderati e altre senza nessuna percezione di acufeni.

Metodo di studio:


Dunque sono state sottoposte a stimoli sonori al variare della attività fisica ed esaminate con risonanza magnetica.
L’ evidenza è stata che, mentre nel 1° gruppo (acufeni forti)  c’era una evidente risposta celebrale a riposo nell’amigdala e nelle regioni ippocampali, nel 2° gruppo (acufeni moderati) l’interessamento era nelle regioni frontali.

Successivamente gli stessi gruppi sono stati esaminati mentre svolgevano attività fisica ed è venuto fuori chiaramente che i soggetti con acufeni moderati utilizzano le regioni frontali del cervello e riescono a controllarne meglio la risposta emotiva di controllo sull’acufene specialmente con l’aiuto di una anche moderata attività fisica, che aumenta in modo significativo il coinvolgimento della regione centrale corticale.

Conclusioni:


Dunque, che l’ attività fisica svolga una influenza positiva sulla salute generale era risaputo, ma che svolgesse anche una influenza decisamente significativa sull’acufene ce lo dovevano dire gli americani.

Quindi:

una dieta adeguata, meno stress e una adeguata attività fisica prettamente aerobica, possono ridurre in modo efficace una eccessiva severità degli acufeni.

Lo sport è un’ attività consigliata per la buona salute. Da oggi lo è anche per l’ acufene.

La correlazione tra attività fisica e impatto sulla percezione degli acufeni è evidente secondo il recente studio americano “increased Frontal Response May Underlie Decreased” pubblicato sulla rivista scientifica Plos One.

Al riguardo è stato preso un campione significativo di persone sofferenti di acufene forti, altre con acufeni moderati e altre senza nessuna percezione di acufeni.

Metodo di studio:

Dunque sono state sottoposte a stimoli sonori al variare della attività fisica ed esaminate con risonanza magnetica.
L’ evidenza è stata che, mentre nel 1° gruppo (acufeni forti)  c’era una evidente risposta celebrale a riposo nell’amigdala e nelle regioni ippocampali, nel 2° gruppo (acufeni moderati) l’interessamento era nelle regioni frontali.

Successivamente gli stessi gruppi sono stati esaminati mentre svolgevano attività fisica ed è venuto fuori chiaramente che i soggetti con acufeni moderati utilizzano le regioni frontali del cervello e riescono a controllarne meglio la risposta emotiva di controllo sull’acufene specialmente con l’aiuto di una anche moderata attività fisica, che aumenta in modo significativo il coinvolgimento della regione centrale corticale.

Conclusioni:

Dunque, che l’ attività fisica svolga una influenza positiva sulla salute generale era risaputo, ma che svolgesse anche una influenza decisamente significativa sull’acufene ce lo dovevano dire gli americani.

Quindi:

una dieta adeguata, meno stress e una adeguata attività fisica prettamente aerobica, possono ridurre in modo efficace una eccessiva severità degli acufeni.

Facebook
Google+
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked*

Altri Articoli sull' Acufene

Acufene e Malocclusione dentaria.

Si ritiene che una delle cause spesso sottovalutate dell' acufene, possa essere una malocclusione dentale che, creando problemi sulla cervicale e posturali, possa in qualche …

Laser per Acufeni. Funziona?

Laser Terapia per Acufene. Funziona? Praticamente ogni giorno escono nuove proposte terapeutiche, molte delle quali hanno ben pochi risultati dalla loro parte. Le uniche terapie …